Presidente della Provincia di Cuneo

Risparmio e spesa corrente

Dal 2009 al 2012 la Provincia di Cuneo ha ridotto di oltre il dieci per cento il proprio indebitamento, passato da 191 a 170 milioni di euro.

Attenzione alle donne

Ho avviato una campagna di sensibilizzazione sul 'parto senza dolore', ovvero sulla necessità di ampliare la possibilità di ricorso all'anestesia epidurale, prevista allora solo nell'ospedale del capoluogo. Sono impegnata da sempre nelle principali iniziative di sostegno ai metodi anticoncezionali oltre che nella lotta contro il cancro, che mi ha sottratto l'affetto di entrambi i genitori.

Stop al fotovoltaico selvaggio

La Provincia di Cuneo, durante il mio mandato, ha preso posizione contro la proliferazione del fotovoltaico a terra: una mobilitazione che ha trovato riscontro nelle nuove norme, sia regionali che statali.

Lavoro e scuole

Ho seguito personalmente decine di crisi aziendali, coinvolgendo forze sociali ed economiche nel comune obiettivo di salvaguardare i livelli produttivi ed occupazionali. Una grande responsabilità e priorità d'intervento ha riguardato anche le 70 scuole superiori, in 80 edifici diversi, che rappresentano il patrimonio provinciale degli istituti scolastici di secondo grado.

Nel segno di Luigi Einaudi

Quattro lezioni intitolate a Luigi Einaudi con altrettanti relatori di assoluto prestigio, Giulio Tremonti, Enrico Colombatto, Alberto Quadrio Curzio e Francesco Forte. Un forte impegno per la commemorazione dell'ex presidente della Repubblica che si è concretizzata in un sito internet, con l'intera opera omnia dello statista.

Langhe e Roero

La Provincia di Cuneo sotto la mia presidente ha promosso la candidatura delle Langhe e del Roero a patrimonio mondiale dell'Umanità presso l'Unesco: un obiettivo raggiunto il 22 Giugno 2014.

Decimazione delle poltrone

Oltre quindici società partecipate dismesse o liquidate: questo il bilancio dell'azione di razionalizzazione portata avanti dalla Provincia di Cuneo durante il mio mandato. Decine e decine di poltrone in cda e collegi sindacali in meno. Che i cittadini non rimpiangono.

Una provincia digitale

Sotto la mia presidenza, la Provincia di Cuneo è balzata nelle prime posizioni delle graduatorie nazionali sull’informatizzazione degli enti pubblici.
Nel solo anno 2011, sono stati oltre 21 mila gli atti dematerializzati dell’Amministrazione provinciale, con circa 9 tonnellate di carta risparmiata. Si è personalmente attivata per il raggiungimento degli obiettivi attraverso il portale istituzionale www.provincia.cuneo.it e il quotidiano web notizie.provincia.cuneo.it che hanno avuto, nel 2011, 937.529 visitatori unici per un totale di ben 5.488.881 pagine viste.
La Provincia è presente istituzionalmente su molti tra i principali social networks, mentre l’ultimo progetto digitale da me messo in campo riguarda le aziende e il mercato del lavoro della provincia di Cuneo. Consente di mettere in contatto la domanda e l’offerta dei vari settori produttivi, oltre che di valutare l’affidabilità delle imprese.