NO RINNOVO VISTO. SUORA ITALIANA DEVE LASCIARE L’IRAN

La suora di 75 anni Giuseppina Berti dovrà lasciare l’Iran dopo 26 anni di attività per i poveri del lebbrosario di Tabriz. Secondo le autorità, la religiosa avrebbe il visto in scadenza, ma le stesse autorità si rifiutano di fornire spiegazioni sul perché le sia stato rifiutato il rinnovo del visto. La religiosa ha dedicato la vita ai malati del Paese senza distinzioni di appartenenza religiosa o etnica. Ora suor Giuseppina si vede costretta ad abbandonare la casa della Congregazione costruita nel 1937. Quanto accaduto dimostra ancora una volta che l’Iran degli ayatollah rimane un Paese con cui non è possibile intrattenere relazioni diplomatiche fondate sulla trasparenza e sul dialogo inter-religioso. Su queste basi, qualsiasi nuovo accordo sul nucleare nel Paese risulta prematuro.